Multimedia

Filtra per
Condividi
Stampa
Invia
Video
24/04/2012

Il teatro di tutte le scienze e le arti

Il teatro di tutte le scienze e le arti. Raccogliere libri per coltivare idee in una capitale di età moderna. Torino 1559-1861

I curatori della mostra Isabella Massabò Ricci, Marco Carassi (Archivio di Stato), e Franca Porticelli (Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino) ci accompagnano alla scoperta della mostra che si è tenuta all'Archivio di Stato dal novembre 2011 al febbraio 2012.

Lo scenario della mostra spazia dalla riconquista dello Stato da parte di Emanuele Filiberto di Savoia a metà Cinquecento fino all’Unità d’Italia e ai suoi primi sviluppi, seguendo i fili delle diverse culture e il loro intreccio nel succedersi delle epoche. Anche grazie a raffinati mezzi multimediali, l’esposizione è un viaggio pieno di sorprese in cui
i tesori librari “parlano” dei grandi progetti che animarono le classi dirigenti di uno Stato moderno, di piccole dimensioni e di poche risorse, teso a superare le più drammatiche sfide con azioni audaci e non di rado con coraggiose riforme.
Sono così resi accessibili ai visitatori i codici miniati, gli incunaboli precocemente acquisiti, gli atlanti geografici quattro-cinquecenteschi, l’abbondanza e la modernità della trattatistica scientifica e militare, fino ai grandi classici dell’antichità utilizzati per la formazione dei futuri sovrani e per alimentare discorsi e corrispondenze pubbliche e private.
La mostra non si sarebbe potuta realizzare senza la scelta della Compagnia di San Paolo di adottarla in toto come propria iniziativa per il150° dell’Unità d’Italia.
Alla mostra collaborano, oltre a molti studiosi specialisti delle singole materie, i tre Istituti organizzatori, il Centro Studi Piemontesi, l’Accademia delle Scienze di
Torino e l’Archivio Storico dell’Università degli Studi di Torino.

Promotori:
Archivio di Stato di Torino
Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
Biblioteca Reale

Il video è stato realizzato dalla Compagnia di San Paolo grazie alla collaborazione dell’Archivio di Stato di Torino